Home

Green Express: quando il gelato fa bene all’ambiente!

Il colosso anglo-olandese, Unilever, e le Ferrovie dello Stato hanno stipulato un interessante accordo per il trasporto della produzione della fabbrica di gelati Algida di Caivano nel casertano.

A Marcianise, nello scalo per il trasporto intermodale di Trenitalia, è partito infatti il primo convoglio europeo interamente dedicato al trasporto dei gelati. Il convoglio, targato Unilever, è composto da quattordici vagoni, che andranno a trasportare i prodotti realizzati a pochi chilometri di distanza, nella fabbrica dell’Unilever di Caivano, la seconda nel mondo per le quantità prodotte di gelato con circa un miliardo di pezzi all’anno.

La Unilever ha da tempo intrapreso una strada eco-compatibile per il suo sviluppo, prevedendo nei prossimi dieci anni di raddoppiare il fatturato e dimezzare, nello stesso tempo, il suo impatto ambientale. Ciò grazie all’impegno nella riduzione delle emissioni di CO2, nel cercare di tagliare fortemente la produzione di rifiuti e nel promuovere azioni che abbiano ricadute sociali sul territorio.

Il nuovo treno, battezzato Green Express, rientra in questa strategia.

Qualche numero per farci un’idea dei benefici che questa operazione comporterà:

questa importante iniziativa consentirà, infatti, di togliere dalla strada circa 3.500 camion ogni anno e di evitare di rilasciare in atmosfera oltre 2.600 tonnellate di CO2 (-76,4% rispetto al trasporto effettuato solo su gomma), pari all’assorbimento di circa 260mila alberi in un anno. Inoltre, il trasporto ferroviario consentirà, oltre la riduzione dell’incidentalità dovuta al traffico veicolare, anche un risparmio energetico annuale di oltre 40milioni di MJ (-75,1% rispetto al trasporto effettuato solo su gomma), pari al fabbisogno annuale di circa 4.200 famiglie medie italiane.

L’accordo Unilever-Trenitalia ha dimostrato come un’adeguata capacità di innovazione, ambiente e affari possono cercare dei buoni compromessi.

L’amministratore delegato di Unilever Italia, Angelo Trocchia, tiene a sottolineare: “La fabbrica di Caivano è uno dei fiori all’occhiello del gruppo. Tutte le nostre fabbriche e quindi anche la fabbrica Algida di Caivano, ad esempio, non mandano più alcun rifiuto in discarica dal 2012 e sono dotate di impianti di cogenerazione ed eolici che producono il 100% dell’energia . Questi traguardi raggiunti in così poco tempo ci danno la fiducia e la forza per continuare il nostro percorso di sviluppo sostenibile e vogliono costituire un utile esempio per tutte le aziende e i cittadini che operano e vivono in un territorio dalle grandi potenzialità spesso penalizzato in campo ambientale”.

E’ bene sottolineare quanto questo accordo abbia portato benefici anche per le ferrovie, rispetto al fronte del trasporto intermodale. Mario Castaldo, direttore della divisione Cargo di Trenitalia, spiega come: “Per ogni tonnellata trasportata, le emissioni generate da un camion euro5 (il più ‘ecologico’) sono oltre tre volte quelle del treno. La scelta del treno è quindi quella più sostenibile. Se le aziende infatti puntassero ad un sistema di trasporto intermodale basato sulla rotaia, i benefici sarebbero notevoli per tutti e si ridurrebbe notevolmente l’inquinamento atmosferico in Italia”.

Lascia un commento

Progetti conclusi

Progetti conclusiScopri tutti i nostri progetti che abbiamo già realizzato e concluso nel corso degli anni.

Progetti in corso

Progetti in corsoScopri i progetti ancora in corso che stiamo realizzando in tutti i settori di nostra competenza.

Il nostro network

Il nostro networkDai un’occhiata alla rete di professionisti e aziende specializzate che ci permettono di realizzare progetti d’eccellenza.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletterPer essere sempre informato in tempo reale su tutte le nostre attività e iniziative. Iscriviti subito!

Inserisci qui il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner