Home

E-Commerce e Cina

Immagine

Nel gennaio 2010 il China Internet Network Information Center, l’organizzazione ufficiale cinese che si occupa del monitoraggio della registrazione dei domini e della ricerca online, ha riportato che nel corso dell’anno precedente il numero degli utilizzatori di Internet in Cina avevatoccato i 384 milioni.Questo numero è salito ancora negli ultimi anni, fino a raggiungere, alla fine del 2012, i 564 milioni di utenti. I sondaggi mostrano come Internet sia principalmente usato dai cinese con finalità di intrattenimento: giochi online, scaricamento musica e film, e shopping.

Per quanto riguarda l’E-commerce, nel dicembre 2012 si è registrato un totale di 242 milioni di online shopper e il rapporto di utilizzazione di shopping online è salito al 42,9%. Rispetto al 2011, gli acquirenti online sono cresciuti di 48,07 milioni con un tasso di crescita del 24,8%. Dato questo trend, ci si aspetta che entro il 2015 il numero di acquirenti online cinesi superi quello degli americani, diventando i più numerosi online shopper del mondo.

Sebbene la crescita degli utenti di Internet stia rallentando gradualmente, si stima che l’utilizzo dello shopping online sia ancora destinato a crescere con un ritmo sostenuto e rapido. Ciò anche grazie alle nuove tecnologie e allo sviluppo di smartphone che permettono un utilizzo efficace di Internet, aprendo le porte al “mobile online shopping“. Nel corso degli ultimissimi anni, il numero di utenti che fanno shopping per mezzo del proprio dispositivo mobile è cresciuto del 136.5%, andando a costituire un importante motore del commercio.

L’aumento dell’E-commerce cinese è da attribuire a cinque fattori:

  1. l’aumento dei redditi
  2. l’accessibilità economica e logistica di internet
  3. la fiducia delle persone nel canale online
  4. le dimensioni limitate dei negozi reali rispetto a quelli virtuali
  5. i bassi costi di spedizione

Tra le particolarità dell’E-commerce cinese, spiccano il Group Shopping e il Social Shopping.

Il Group Shopping, noto anche come acquisto collettivo, offre prodotti e servizi a prezzi notevolmente ridotti, a condizione però che l’acquisto venga fatto da un numero minimo di acquirenti. Questa modalità di vendita è nata, infatti, per ottenere prezzi scontati da rivenditore nel caso in cui un folto gruppo di persone era disposto ad acquistare uno stesso articolo. Un esempio di siti che utilizzano questa strategia sono Groupon e Amazon.

Il Social Shopping, è invece un metodo di commercio in cui, nell’esperienza d’acquisto, vengono coinvolti gli amici degli acquirenti. Il Social Shopping utilizza la tecnologia per simulare le interazioni sociali, attraverso la possibilità di scambiarsi commenti e suggerimenti sugli articoli da comprare, dare un voto alla qualità della merce acquistata, ecc. I cinesi, infatti, ripongono maggiore fiducia sui commenti di altri utenti, piuttosto che sulle affermazioni dei produttori; un sondaggio ha registrato che oltre il 70% degli online shoppers cinesi dichiara di aver letto/scritto una recensione di un prodotto.

E’ possibile rintracciare una peculiarità degli online shoppers cinesi anche nel loro modo di fare ricerche. Il primo motore di ricerca utilizzato è Baidu.com, la risposta cinese a Google. Mentre per gli acquisti si affidano a Taobao, sito dell’Alibaba Group, dove, a differenza di Ebay, la maggior parte dei prodotti venduti sono nuovi. Questo sito nel 2010 ha registrato un tasso di vendita superiore alle cinque principali catene di negozi fisici cinesi messe insieme, aggiudicandosi il titolo di più grande rivenditore al dettaglio della Cina.

Concludendo, per il futuro si prevedono cinque grandi tendenze nel rapido sviluppo dell’E-commerce cinese:

  1. aumento del numero dei “super-heavy spenders“, ovvero i super acquirenti, che spendono più soldi degli altri consumatori e comprano più prodotti di marca;
  2. le differenze anagrafiche dei “super-heavy spenders” si tradurranno in atteggiamenti, preferenze e necessità emotive diverse, e il soddisfacimento di queste necessità sarà la chiave del successo futuro nell’E-commerce cinese;
  3. netto spostamento della domanda: da prodotti a basso prezzo ma senza garanzie, venduti da soggetti anonimi e sconosciuti, a prodotti e servizi di alta qualità acquistati da fonti attendibili;
  4. lo shopping oline “multifermata”, ovvero i consumatori visiteranno spesso più tipologie di siti per diverse categorie di prodotto, con l’aumento del loro desiderio di un numero sempre maggiore di scelte. Le aziende dovranno, quindi, gestire attivamente la loro presenza online e coinvolgere i consumatori con una varietà di opzioni;
  5. l’esperienza del negozio online rimarrà un fattore cruciale che influenzerà le decisioni d’acquisto dei consumatori.

Lascia un commento

Progetti conclusi

Progetti conclusiScopri tutti i nostri progetti che abbiamo già realizzato e concluso nel corso degli anni.

Progetti in corso

Progetti in corsoScopri i progetti ancora in corso che stiamo realizzando in tutti i settori di nostra competenza.

Il nostro network

Il nostro networkDai un’occhiata alla rete di professionisti e aziende specializzate che ci permettono di realizzare progetti d’eccellenza.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletterPer essere sempre informato in tempo reale su tutte le nostre attività e iniziative. Iscriviti subito!

Inserisci qui il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner